WRAPPING per decorare automezzi aziendali: costo o investimento?

Rivestire con il wrapping i mezzi aziendali è spesso considerata SOLO una spesa, ma non sempre è così, lo raccontiamo nel nostro articolo.

Il wrap advertising (così come lo spiega wikipedia) è la metodologia del marketing che riguarda la copertura (wrapping), in parte o totale, di un qualsiasi automezzo, per trasformarlo in cartellone pubblicitario mobile.

Cosa significa?

Camion vela

Significa che il tuo automezzo aziendale diventa a tutti gli effetti un cartellone pubblicitario, in grado di fare pubblicità alla tua attività ovunque sei.

Purtroppo, questa potenzialità è molto spesso trascurata.

Molte aziende, pensando di risparmiare rispetto al wrapping, decidono di farsi pubblicità sui camion a vela,  scelta dettata, spesso dalle poche risorse economiche, altre volte dai suggerimenti di alcune agenzie di promozione, ignorando o sottovalutando l’efficacia comunicativa del proprio mezzo aziendale.

Se ci pensi bene, però, questa pubblicità è per un tempo molto limitato, normalmente una o due settimane, al contrario della pubblicità sul tuo furgone, che  “lavora” tutti i giorni e per tantissimi anni, cioè fino a quando deciderai di rimuoverla e rinnovarla.

Ma perchè, per il proprio marketing, molti imprenditori preferiscono utilizzare, e pagare, strumenti esterni (camion vela, volantini, ecc.) anzichè il wrapping dei propri mezzi aziendali?

Perchè NON viene considerato un investimento pubblicitario, ma semplicemente un “costo”, che come tale dev’essere il più basso possibile.

Anzi per ridurlo all’osso, la richiesta di parecchi imprenditori è di scrivere il minimo indispensabile, come il logo, il nome dell’azienda, l’indirizzo, il telefono… e forse uno slogan.

“Tanto…per chi vuole trovarci, bastano e avanzano quelle scritte…”

Questa, purtroppo, è una delle risposte più frequenti (da parte degli imprenditori) che ricevono le aziende che si occupano di decorazione per automezzi quando propongono progetti che vanno ben oltre le due semplici scritte e naturalmente oltre il budget prefissato di qualche centinaio di euro.

Così facendo trionfa sempre il fattore economico, ma viene ampiamente trascurata la vera essenza del lavoro, cioè, catturare nuovi clienti e alimentare maggiormente il passa-parola.

Adesso ti mostriamo come un furgone bianco è stato trasformato in un meraviglioso strumento per vendere…

PRIMA

wrapping-furgone-5

DOPO

Il wrapping come strumento per vendere

Per fortuna, ci sono aziende che hanno capito la potenza comunicativa dei propri mezzi aziendali, mettendoli subito all’opera, come efficaci strumenti pubblicitari.

Parliamo dell’ultimo lavoro realizzato dall’applicatore del circuito MondoDecor Riccardo Lisi (CREO Officine Creative), e come ha curato la campagna per il wrapping del mezzo aziendale della Modena Engines.

Non è stato realizzato, semplicemente, un rivestimento per il furgone, ma un vero e proprio progetto in cui è stata raccontata una storia.
La storia della Modena Engines, fabbrica italiana che realizza motori per Gokart.

Riccardo ci dice che in questo settore, come d’altronde capita in tutti gli sport motoristici, la cosa più importante è farsi notare.

E’ obbligatorio attirare l’attenzione in ogni modo possibile, ovviamente, oltre alla vittoria.

Tutta questa attenzione, naturalmente, serve per scopi pubblicitari, perchè non dimentichiam che ogni scuderia è sponsorizzata da un costruttore di motori che ha tutto l’interesse ad essere sempre al centro dell’attenzione.

Anche per questo motivo e non perdere di vista l’obiettivo pubblicitario, ogni due anni l’immagine delle scuderie viene completamente rinnovata.

Niente di nuovo se prendiamo lo stesso concetto e lo applichiamo alla vita di tutti i giorni, in cui una qualsiasi azienda ha necessità di pubblicizzarsi sfruttando ogni mezzo per abbattere la concorrenza.

Nel mondo delle corse, sia automobilistiche che motociclistiche,  avrai sicuramente notato come la presenza del brand (lo sponsor) è curato nei minimi dettagli riportando gli elementi distintivi del logo su qualsiasi cosa: all’interno dei box, negli automezzi di servizio, nei camion e nelle divise. Nulla è lasciato al caso.

Ovviamente anche nel mondo dei Kart, oggetto del nostro articolo, viene posta la stessa attenzione nella progettazione e nella realizzazione di ogni elemento legato allo sponsor.

Il lavoro di progettazione fatto da Riccardo è stato preciso e rigoroso perchè ha seguito passo-passo le direttive imposte dalla scuderia, ma non si è fermato qui, perchè ha poi deciso di raccontare, con le immagini, la storia e la mission della stessa azienda, andando ben oltre i progetti tradizionali.

Il risultato? Una grafica accattivante che punta dritto all’obiettivo: Emozionare il pubblico e aiutare a vendere.

Condividi con gusto!

Se anche tu vuoi sfruttare la capacità di comunicazione del tuo mezzo aziendale, richiedi un preventivo agli Specialisti del Wrapping compilando i dati seguenti:

Se vuoi ricevere la nostra offerta personalizzata, dovresti darci il consenso a usare i tuoi dati. Ci servono solo per entrare in contatto con te.
Condividi con Piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe Interessarti anche...

Pellicola adesiva Porsche 911 effetto ruggine
Car Wrapping estremo: come ti arruginisco una Porsche 911 senza rovinarti la macchina

Ecco ci risiamo, non pensavamo, ma lo hanno fatto di nuovo. Hanno creato una...

Gardaland Shaman: scopri chi ha decorato l’aereo dello spot pubblicitario

Come capita sempre più spesso i nostri applicatori sono coinvolti in lavori di wrapping...

Car wrapping
Vuoi cambiare colore alla tua auto? Niente di più facile

Vuoi cambiare il colore della tua auto perchè ti sei stancato? O perchè vuoi...

Wrapping moto: pellicola 3M
Wrapping Moto: come ringiovanire la mitica Vespa Piaggio PK50

Come dice un detto: i vecchi amori non si scordano mai…. Grazie ad un cliente...

Car wrapping
Come trasformare una Smart in un Pezzo Arruginito

Non c’è miglior modo per farsi notare, che fare cose bizzarre. Sicuramente non è il pensiero...